giovedì 8 dicembre 2011

Modern Money Theory: A Primer on Macroeconomics for Sovereign Monetary Systems

Traduzione di un articolo di Randall Wray: Modern Money Theory: A Primer on Macroeconomics for Sovereign Monetary Systems a cura di Niccolò Sgaravatti.

Saluto i lettori, ho deciso di aprire questo per avere uno spazio nel quale pubblicare la traduzione di alcuni articoli e pubblicazioni del gruppo di economisti Monern Money Theory, in modo da aprire l'accessibilita di questo materiale a molti lettori italiani.
Per chi non li conoscesse, in generale sono molto interessanti perchè affrontano tematiche macroeconomiche da un punto di vista unico a loro, quello della Moneta Moderna.
Questo loro teoria viene spiegata in una serie di post su New Economic Perspetives dei quali questo è il primo.
Spero che la mia traduzione sia più chiara e fedele possibile, vi invito a segnalare i miei evenutuali errori e a porre le vostre osservazioni o critiche.
Non sono uno specialista, tuttavia penso che questo mio lavoro sia comunque utile, ad ogni modo, ho pensato di affiancare alla mia traduzione la versione originale, in modo da permettere al lettore di riferivisi agevolmente dandogli uno strumento in più per criticare il mio lavoro.
Buona lettura!

This week we begin a new feature at New Economic Perspectives—a Primer on Modern Money Theory. Each Monday we will post a relatively short piece, gradually building toward a comprehensive theory of the way that money “works” in sovereign countries. We will then collect comments through Wednesday night, and will post a response to the comments on Thursday. The comments should be directly related to that week’s blog. Since we are trying to develop an understanding of MMT, we especially encourage commentators to let us know where we have been unclear. Since we will be presenting the Primer over the course of the coming year, we will sometimes have to beg for patience—obviously we cannot present the entire theory all at once.

These blogs begin with the basics; no previous knowledge of MMT—or even of economics—is required. The blogs are sequential; each subsequent blog builds on previous blogs. The blogs will be at the level of theory, with only limited reference to specific cases, histories, and policies. That is intentional. A Primer should provide a general overview that can be adapted to specific national situations. The regular pages of NEP will continue to discuss current real world policy issues. The Primer will remain on a different plane.

What follows is a quick introduction to the background and purpose of the Primer.

MMT Primer Blog #1

In recent years an approach to macroeconomics has been developed that is called “modern money theory”. The components of the theory are not new, but the integration toward a coherent analysis is. My first attempt at a synthesis was in my 1998 book, Understanding Modern Money. That book traced the history of money as well as the history of thought undergirding the approach. It also presented the theory and examined both fiscal and monetary policy from the “modern money” point of view. Since that time, great strides have been made in applications of the theory to developing an understanding of the operational details involved. To put it simply, we have uncovered how money “works” in the modern economy. The findings have been reported in a large number of academic publications. In addition, the growth of the “blogosphere” has spread the ideas around the world. “Modern money theory” is now widely recognized as a more-or-less coherent alternative to conventional views. However, academic articles and short blogs do not provide the proper venue for a comprehensive introduction to the approach.

This primer seeks to fill the gap between formal presentations in the academic journals and the informal blogs. It will begin with the basics to build to a reasonably sophisticated understanding.

In addition, it will explicitly address another gap: the case of developing nations. The MMT approach has often been criticized for focusing too much on the case of the US, with many critics asserting that it has little or no application to the rest of the world’s nations that do not issue the international reserve currency. To be sure, that criticism is overdone because modern money theorists have applied the approach to a number of other countries, including Australia, Canada, Mexico, Brazil, and China. Still, much of the literature explicitly addresses the case of developed nations that operate with floating exchange rates. Some supporters have even argued that MMT cannot be applied to fixed exchange rate regimes. And there has been very little application of MMT to developing nations (many of which do adopt exchange rate pegs).

So this primer also fills that gap—it explicitly addresses alternative exchange rate regimes as well as the situation in developing nations. In that sense, it is a generalization of modern money theory.

Unlike my 1998 book, this primer will not revisit the history of money or the history of thought. The exposition will remain largely theoretical. I will provide a few examples, a little bit of data, and some discussion of actual real world operations. But for the most part, the discussion will remain at the theoretical level. The theory, however, is not difficult. It builds from simple macro identities to basic macroeconomics. It is designed to be accessible to those with little background in economics. Further, the primer mostly avoids criticism of the conventional approach to economics—there are many critiques already, so this primer aims instead to make a positive contribution. That helps to keep the exposition relatively short.

In this primer we will examine the macroeconomic theory that is the basis for analysing the economy as it actually exists. We begin with simple macro accounting, starting from the recognition that at the aggregate level spending equals income. We then move to a sectoral balance approach showing that the deficits of one sector must be offset by surpluses of another. We conclude by arguing that it is necessary to ensure stock-flow consistency: deficits accumulate to financial debt, surpluses accumulate to financial assets. We emphasize that all of these results apply to all nations as they follow from macroeconomic identities.

We next move to a discussion of currency regimes—ranging from fixed exchange rate systems (currency board arrangements and pegs), to managed float regimes, and finally to floating exchange rates. We can think of the possibilities as a continuum, with many developed nations toward the floating rate end of the spectrum and many developing nations toward the fixed exchange rate end.

We will examine how a government that issues its own currency spends. We first provide a general analysis that applies to all currency regimes; we then discuss the limitations placed on domestic policy as we move along the exchange rate regime continuum. It will be argued that the floating exchange rate regime provides more domestic policy space. The argument is related to the famous open economy “trilemma”—a country can choose only two of three policies: maintain an exchange rate peg, maintain an interest rate peg, and allow capital mobility. Here, however, it will be argued that a country that chooses an exchange rate target may not be able to pursue domestic policy devoted to achieving full employment with robust economic growth.

Later—-much later--we will show how the “functional finance” approach of Abba Lerner follows directly from MMT. This leads to a discussion of monetary and fiscal policy—not only what policy can do, but also what policy should do. Again, the discussion will be general because the most important goal of this Primer is to set out theory that can serve as the basis of policy formation. This Primer’s purpose is not to push any particular policy agenda. It can be used by advocates of “big government” as well as by those who favour “small government”. My own biases are well-known, but MMT itself is neutral.

As mentioned above, one major purpose of this primer is to apply the principles developed by recent research into sectoral balances and the modern money approach to the study of developing nations. The Levy Economics Institute has been at the forefront of such research, following the work of Wynne Godley and Hyman Minsky, but most of that work has focused on the situation of developed nations. Jan Kregel, in his work at UNCTAD, has used this approach in analysis of the economies of developing nations. Others at Levy have used the approach to push for implementation of job creation programs in developed and developing nations. This primer will extend these analyses, explicitly recognizing the different policy choices available to nations with alternative exchange rate regimes.

Finally, we will explore the nature of money. We will see that money cannot be a commodity, rather, it must be an IOU. Even a country that operates with a gold standard is really operating with monetary IOUs, albeit with some of those IOUs convertible on demand to a precious metal. We will show why monetary economies typically operate below capacity, with unemployed resources including labor. We will also examine the nature of credit worthiness, that is, the reason why some monetary liabilities are more acceptable than others. As my professor, the late and great Hyman Minsky used to say, “anyone can create money; the problem lies in getting it accepted”.

This series of blogs actually began as an effort to provide a basic primer on macroeconomics that can be used by home country analysts in developing nations, as an alternative to the macroeconomic textbooks that suffer from a variety of flaws. The purpose was not to critique orthodox theory but rather to make a positive contribution that maintains stock-flow consistency while also recognizing differences among alternative exchange rate regimes. Jesus Felipe at the Asian Development Bank urged me to put together a version that could be more widely circulated. At the same time, many bloggers have asked those who have written on MMT to provide a concise explication of the approach. Many professors have also asked for a textbook to use in the classroom.

This primer is designed to fulfil at least some of those requests, although a textbook for classroom use will have to wait. To keep the project manageable, I will not go deeply into operational details. That would require close analysis of specific procedures adopted in each country. This has already been done in academic papers for a few nations (as mentioned above, for the US, Australia, Canada, and Brazil, with some treatment of the cases of Mexico and China). As I am aiming for a nonspecialist audience, I am leaving those details out of the primer. What I do provide is a basic introduction to MMT that does not require a great deal of previous study of economics. I will stay free from unnecessary math or jargon. I build from what we might call “first principles” to a theory of the way money really “works”. And while it was tempting to address a wide range of policy issues and current events—especially given the global financial mess today—I will try to stay close to this mission.

I thank the MMT group that I have worked with over the past twenty years as we developed the approach together: Warren Mosler, Bill Mitchell, Jan Kregel, Stephanie Kelton, Pavlina Tcherneva, Mat Forstater, Scott Fullwiler, and Eric Tymoigne, as well as many current and former students among whom I want to recognize Joelle LeClaire, Heather Starzinsky, Daniel Conceicao, Felipe Rezende, Flavia Dantas, Yan Liang, Fadhel Kaboub, Zdravka Todorova, Shakuntala Das, Corinne Pastoret, Mike Murray, Alla Semenova and Yeva Nersisyan. Others—some of whom were initially critical of certain aspects of the approach—have also contributed to development of the theory: Charles Goodhart, Marc Lavoie, Mario Seccareccia, Michael Hudson, Alain Parguez, Rob Parenteau, Marshall Auerback, and Jamie Galbraith. Other international colleagues, including Peter Kreisler, Arturo Huerta, Claudio Sardoni, Bernard Vallegeas, and Xinhua Liu let me try out the ideas before audiences abroad. Many bloggers have helped to spread the word, including Edward Harrison, Lambert Strether, Dennis Kelleher, Rebecca Wilder, Yves Smith, Joe Firestone, Mike Norman, Tom Hickey, and the folks at New Economic Perspectives from Kansas City, Lynn Parramore at New Deal 2.0, Huffington Post, and Benzinga who posted my blogs (and above all, wearing two hats, Bill Mitchell at billyblog!). All those at CFEPs in the US and Coffee in Australia and Europe have helped to promote the ideas over the past decade. A big Thanks to all.

Enough with the preliminaries. We get started with the theory next week.
Questa settimana aggiungiamo un nuovo elemento a New Economic Perspective – un corso introduttivo sulla Modern Money Theory. Ogni lunedì pubblicheremo un pezzo relativamente breve, avanzando verso la costruzione di una teoria completa sul modo in cui la moneta “funziona” negli stati sovrani. Raccoglieremo poi commenti fino a mercoledì notte, e pubblicheremo le risposte ai commenti di giovedì. I commenti devono riferirsi direttamente all'articolo della settimana. Poiche stiamo cercando di sviluppare una comprensione della MMT, noi soprattutto incoraggiamo i commentatori a farci sapere dove non siamo stati chiari. Poiché presenteremo il materiale durante il corso dell'anno, a volte dovremo fare appello alla vostra pazienza – chiaramente noi non possiamo presentare la teoria completa tutta in una volta.
Questi blog iniziano dalle basi; nessuna conoscenza pregressa della MMT – o persino di economia – è richiesta. I blog sono sequenziali; ogni blog è basato sui precedenti. I blog saranno a livello teorico, con limitati riferimenti a casi specifici, storie e politiche. Ciò è intenzionale. Un corso introduttivo dovrebbe fornire una visione generale che possa essere calata sulle situazioni nazionali specifiche. Le pagine abituali di NEP continueranno a trattare le problematiche attuali del mondo. Il corso introduttivo rimarrà su di un piano diverso.

Ciò che segue è una veloce introduzione sullo scopo e sul background del corso.

MMT Primer Blog 1

Negli anni recenti si è sviluppato un approccio alla macroeconomia chiamato “modern money theory”. Le componenti della teoria non sono nuove, ma l'integrazione orientata ad una analisi coerente lo è. Il mio primo tentativo di fare una sintesi è stato nel mio libro del 1998, Understanding Modern Money. Quel libro tracciò sia la storia della moneta che la storia del pensiero che ne guidò l'impostazione. Presentò anche la teoria ed esaminò sia le politiche fiscali che monetarie dal punto di vista della “moneta moderna”. Da quella volta sono stati fatti grandi passi avanti nell'applicazione della teoria per lo sviluppo di una comprensione degli aspetti operativi in gioco. Volendo farla semplice, abbiamo scoperto come la moneta “funziona” nell'economia moderna. Le scoperte sono state riportate in un gran numero di pubblicazioni accademiche. Inoltre, la crescita della “blogosfera” ha diffuso le idee largo il mondo. La “Modern money theory” è largamente riconosciuta come una più-o-meno coerente alternativa alle visioni convenzionali. Comunque, gli articoli accademici e i blog brevi non sono la sede appropriata per una introduzione completa all'approccio.
Questo corso cerca di colmare il gap presente tra le presentazioni formali nei giornali accademici e le presentazioni nei blog informali. Comincerà dalle basi per costruire una comprensione ragionevolmente sofisticata.
Inoltre, tratterà esplicitamente un altro gap: il caso delle nazioni in via di sviluppo. L'approccio dell'MMT è stato criticato spesso perché si concentrava troppo sul caso degli Stati Uniti, e molti critici hanno affermato che si può applicare poco o per niente nelle nazioni del mondo che non emettono la valuta di riserva internazionale. A dire il vero, quella critica è superata perchè i teorici della moneta moderna hanno applicato l'approccio a numerose altre nazioni, tra le quali Australia, Canada, Messico, Brasile e Cina. Nonostante questo, buona parte della letteratura si riferisce esplicitamente al caso delle nazioni sviluppate che operano con un tasso di cambio fluttuante. Alcuni sostenitori hanno persino argomentato che la MMT non può essere applicata al regime di cambio a tasso fisso. E c'è stata molta poca applicazione della MMT nelle nazioni sviluppate (molte delle quali adottano tassi di cambio vincolati).

Così questo corso riempie anche quel gap—tratta esplicitamente regimi a tassi di cambio alternativi nonché la situzione delle nazioni in via di sviluppo. In quel senso, è una generalizzazione della modern money theory.

A differenza del mio libro del 1998, questo corso non rivisiterà la storia della moneta o la storia del pensiero. L'esposizione rimarrà soprattutto teorica. Riporterò alcuni esempi, un po'di dati, e qualche discussione sulle operazioni effettive nel mondo reale. Ma la discussione rimarrà in gran parte teorica. La teoria, comunque, non è difficile. E' costruita a partire da alcune semplici macro identità fino alla macroeconomia di base. E' disegnata per essere accessibile a chi ha poco background in economia—ci sono già molti critici, perciò il corso intende invece dare un contributo positivo.
Questo aiuta a tenere l'esposizione relativamente breve.
In questo corso esamineremo la teoria macroeconomica che è la base per analizzare l'economia che esiste realmente. Cominciamo con semplice macro contabilità, iniziando dal riconoscere che a livello aggregato la spesa eguaglia l'introito. Poi ci spostiamo ad un visione dei bilanci settoriali mostrando che i deficit di un settore devono essere controbilanciati dai surplus di un altro.
Concludiamo affermando che è necessario assicurare la coerenza di stock e flussi: i deficit si accumulano in debito finanziario, i surplus si accumulano in beni finanziari. Enfatizziamo che tutti questi risultati si possono applicare su ogni nazione perchè conseguono da identità macroeconomiche.
Poi ci spostiamo su una discussione di regimi delle valute—dal tasso di cambio fisso(currency board arrangements e pegs), ai regimi fluttuanti gestiti, e alla fine ai regimi di cambio fluttuanti. Possiamo pensare alle possibilità come ad un continuum, con molte nazioni sviluppate verso la parte dello spettro del regime fluttuante e con molte nazioni in via di sviluppo verso la parte a cambio fisso.
Esamineremo come spende un governo che emette la propria moneta. Prima daremo un'analisi generale che si applica a tutti i regimi monetari, poi mentre ci muoveremo lungo il continuum dei tassi di cambio, discuteremo le limitazioni che questi pongono alle politiche interne. Sarà sostenuto che che il regime a tasso di cambio fluttuante comporta un maggiore spazio per le politiche interne. La tesi è legata al famoso “trilemma” dell'economia aperta –una nazione può scegliere solo due di tre politiche: mantenere un tasso di cambio fisso, mantenere un tasso di interesse fisso, permettere la mobilità dei capitali. Sarà qui sostenuto quindi che una nazione che sceglie un regime di cambio fisso può non essere abile di portare avanti politiche interne dedite a conseguire piena occupazione con robusta crescita economica.
Dopo—molto dopo—mostreremo come l'approccio della “finanza funzionale” di Abba Lerner segua direttamente dalla MMT. Ciò porta ad una discussone sulla politica fiscale—non solo cosa la politca può fare, ma anche cosa la politica dovrebbe fare. Ancora, la discussione sarà generale perchè l'obiettivo principale del Primer è quello di definire della teoria che possa servire come base per la formazione di politche. L'intento di questo Primer non è quello di spingere alcuna particolare agenda politica. Può essere usato altrettanto da fautori dello “stato grande” che da chi preferisce lo “stato piccolo”. Le mie preferenze sono note, ma la MMT è neutrale.
Come menzionato sopra, un'intenzione principale di questo corso è quella di applicare allo studio delle nazioni in via di sviluppo i principi sviluppati dalle recenti ricerche sui bilanci settoriali e l'approccio dal punto di vista della moneta moderna. Il Levy Economics Institute, seguendo il lavoro di Wynne Godley e Hyman Minsky, è stato all'avanguardia nelle ricerche su questi temi, ma il grosso dell'attenzione è stata incentrata sulla situazione delle nazioni sviluppate. Jan Kregel, nel suo lavoro allo UNCTAD, ha usato questo approccio sull'analisi delle economie delle nazioni in via di sviluppo. Levy e altri usarono l'approccio di spingere per l'implementazione di programmi di creazione di lavoro nelle nazioni sviluppate ed in via di sviluppo. Questo corso estenderà quelle analisi, riconoscendo esplicitamente le differenti scelte politiche disponibili alle nazioni con regimi di cambio alternativi.
Alla fine, esploreremo la natura della moneta. Vedremo che la moneta non può essere un bene, piuttosto, deve essere un pagherò. Persino una nazione che opera con uno standard in oro sta in realtà operando con pagherò monetari, sebbene alcuni di questi pagherò siano convertibili a richiesta in un metallo prezioso.
Mostreremo perché le economie monetarie tipicamente operano a capacità ridotta, con risorse disimpegnate compreso il lavoro. Esamineremo anche la natura della fiducia nel credito, che è la ragione per cui alcuni debiti monetari sono più accettabili di altri. Come il mio professore, il tardo e grande Hyman Minsky era solito dire “chiunque può creare moneta, il problema sta nel farla accettare”.
Questa serie di blog in realtà cominciò come uno sforzo per fornire un corso di base in macroeconomia che potesse essere usato dagli analisti dei paesi in via di sviluppo sui loro paesi, come alternativa ai libri di testo macroeconomici che soffrono di una varietà di difetti. L'intento non era di criticare la teoria ortodossa ma piuttosto di dare un contributo positivo che mantenesse la coerenza degli stock e dei flussi riconoscendo nel frattempo le differenza tra regimi di cambio alternativi. Jesus Felipe alla Asian Development Bank mi esortò a mettere assieme una versione che potesse circolare più largamente. Nello stesso tempo, numerosi blogger hanno chiesto a coloro che hanno scritto sulla MMT di offrire una spiegazione concisa dell'approccio. Molti professori ci hanno anche chiesto un libro di testo da usare nelle classi.
Il corso è disegnato per soddisfare almeno alcune di queste richieste, sebbene un testo per l'uso nelle aule dovrà aspettare. Per tenere il progetto gestibile, io non mi inoltrerò profondamente in dettagli operativi. Ciò richiederebbe un'analisi ravvicinata delle procedure specifiche adottate in ogni stato. È stato già fatto su pubblicazioni accademiche per alcune nazioni (come già menzionato, per gli Stati Uniti, Australia, Brasile, con qualche trattazione del Messico e della Cina). Dal momento in cui sto puntando ad un pubblico non specialista, ho intenzione di lasciare questi dettagli fuori dal corso. Ciò che do è una introduzione di base alla MMT che non richieda una gran mole di studi precendenti in economia. Lascerò da parte la matematica e il gergo non necessari. Costruirò a partire da quelli che possiamo chiamare “principi primi” fino ad arrivare ad una teoria sul modo in cui la moneta in realtà “funziona”. Nonostante affrontare una grande varietà di questioni politiche ed eventi attuali sia una tentazione—specialmente dato il disordine finanziario globale di oggi—cercherò di rimanere vicino a questo compito.
Ringrazio il gruppo MMT con cui ho lavorato negli ultimi 20 anni dato che abbiamo sviluppato l'approccio assieme: Warren Mosler, Bill Mitchell, Jan Kregel, Stephanie Kelton, Pavlina Tcherneva, Mat Forstater, Scott Fullwiler, and Eric Tymoigne, come molti studenti passati tra i quali ringrazio Joelle LeClaire, Heather Starzinsky, Daniel Conceicao, Felipe Rezende, Flavia Dantas, Yan Liang, Fadhel Kaboub, Zdravka Todorova, Shakuntala Das, Corinne Pastoret, Mike Murray, Alla Semenova and Yeva Nersisyan. Altri—alcuni dei quali erano inizialmente critici su alcuni aspetti dell'approccio—hanno pure contribuito allo sviluppo della teoria: Charles Goodhart, Marc Lavoie, Mario Seccareccia, Michael Hudson, Alain Parguez, Rob Parenteau, Marshall Auerback, and Jamie Galbraith. Altri collaboratori internazionali, tra i quali Peter Kreisler, Arturo Huerta, Claudio Sardoni, Bernard Vallegeas, and Xinhua Liu mi hanno dato l'occasione di mettere alla prova le idee di fronte al pubblico estero.
Molti blogger hanno aiutato a diffondere il messaggio, tra i quali Edward Harrison, Lambert Strether, Dennis Kelleher, Rebecca Wilder, Yves Smith, Joe Firestone, Mike Norman, Tom Hickey, e le persone di New Economic Perspectives di Kansas City, Lynn Parramore di New Deal 2.0, Huffington Post, e Benzinga che ha pubblicato (e soprattutto, interpretando due ruoli, Bill Mitchell a billyblog!). Tutti questi al CFEPs negli Stati Uniti e al Coffee in Australia ed Europa hanno aiutato a promuovere le idee nell'ultimo decennio. Un grande grazie a tutti.
Basta con i preliminari, la settimana prossima comincieremo con la teoria.

3 commenti:

  1. grazie dell'ottimo servizio. questa roba deve circolare il più diffusamente possibile ( e io sto facendo la mia piccolissima parte).

  2. Grazie dell'apprezzamento, a presto il terzo capitolo :)